Supply chain e logistica: collaborazione tra aziende

    Indice contenuti

  1. Cosa significa collaborazione nella supply chain e nella logistica?
  2. Cosa è cambiato?
  3. Che cosa è un Multi-enterprise supply chain business network?
  4. Come riconoscere una soluzione collaborativa?
  5. Quali sono le tecnologie che abilitano le soluzioni collaborative? 
  6. Perché alle aziende serve una soluzione collaborativa? 
  7. Quali sono i vantaggi concreti? 
  8. Come mettere a valore le soluzioni collaborative nelle PMI? 
  9. Conclusioni
  10. Note

Di solito tendiamo a ridurre i risultati della globalizzazione alle notizie che leggiamo o alle cose che compriamo, ma ha portato molto più di questo. In primo luogo, ha avuto un enorme impatto sulla supply chain e la logistica. Oggi è impossibile pensare a una supply chain o a un'operazione logistica gestita solo da una singola parte o da un singolo Paese. Il risultato inevitabile di ciò è la crescente necessità di collaborazione tra le parti.

Tutti parlano di collaborazione, ma sappiamo davvero cosa significa per un'operazione di supply chain o perché è importante e, inoltre, quale impatto può avere sulle organizzazioni?

Cosa significa collaborazione nella supply chain e nella logistica?

Collaborazione nella supply chain e nella logistica significa costruire le operazioni della supply chain su una cultura di visibilità e collaborazione tra tutti i partner.

Nelle supply chain di oggi le interruzioni sono inevitabili. I professionisti coinvolti nel processo devono affrontare cambiamenti imprevisti su base giornaliera o settimanale. Tuttavia, dal momento che hanno bisogno di navigare tra diverse applicazioni della supply chain in silos e funzionali, non sono sempre in grado di mitigare i rischi associati a queste interruzioni. Grandi perdite possono essere evitate se si costruiscono connessioni funzionanti.

"La connessione è un elemento centrale in tutte le supply chain."

Se si pensa dal punto di vista interno, i processi, i piani, le persone e i dati che ne derivano sono tutti collegati all'interno di un'impresa. Se si pensa dal punto di vista esterno, invece, le imprese sono collegate tra loro. Dal momento che un'impresa da sola non può assumere tutti i ruoli, si allea con altre organizzazioni, affidando loro alcune parti cruciali delle loro operazioni. Queste connessioni con i partner esterni creeranno la supply chain esterna di un'impresa, cioè il network esterno. 

L'efficienza e il risparmio sui costi diventano reali quando i dati essenziali della supply chain, i processi, i piani e le persone sono collegati sia all'interno che all'esterno di un'impresa. Solo in questo modo, una supply chain può essere snellita.

Non c'è dubbio che, rispetto al passato, oggi le supply chain siano più complesse e difficili da gestire.

Ad esempio, un'azienda compra prodotti da un fornitore all'ingrosso, lavora con una società di logistica per trasportarli e poi li vende in un negozio al dettaglio di terzi. Ognuno di questi fornitori ha i propri fornitori e i propri partner logistici. Ci sono diverse responsabilità per ogni segmento e la catena di custodia dei prodotti cambia. Inoltre, queste operazioni possono includere più livelli di fornitori e/o più aree geografiche. Le azioni e gli aggiustamenti fatti dai singoli fornitori, distributori, impianti di produzione e partner di canale influenzano uno o più degli altri.

"Significa che le supply chain sono estese."

C'è solo un modo per sopravvivere in questo ecosistema esteso: collaborazione, dati e gestione. Per abilitare questi ultimi due, ci rivolgiamo alla tecnologia.

Cosa è cambiato?

I sistemi tradizionali sono rivolti verso l'interno. Oggi, le aziende comprano TMS, WMS ecc. e collegano tutto a un ERP, fingendo che possa essere in grado di fare tutto. Con le supply chain esterne che generano la maggior parte delle informazioni, purtroppo i sistemi ERP e altre applicazioni aziendali che le aziende hanno usato per decenni non sono in grado di risolvere il livello di complessità che stiamo vivendo.

Questi sistemi sono stati progettati per risolvere i problemi dell'impresa, non il problema dell'ecosistema della supply chain. Di conseguenza, molte aziende si affidano allo scambio di file Excel con i partner per colmare questa lacuna. Tuttavia, questo metodo ha alcune limitazioni:

  • Inserimento manuale dei dati

  • Rischio di errore umano

  • Numero limitato di partner e di informazioni

  • Non automatizzato, lento e sequenziale

  • Supporto limitato per la tracciabilità 

  • Informazioni in silos

Pertanto, l'utilizzo di un sistema progettato e sviluppato con un focus su una singola impresa non può essere la risposta per gestire focus multi-impresa e supply chain estese.

"Semplicemente, è come scegliere il numero sbagliato di scarpe: non si camminerà a piedi nudi ma si rallenterà e si farà fatica perché non è la misura giusta."

Qui il problema non è puramente tecnologico ma più concettuale. Per far funzionare le supply chain estese bisogna spostare l'attenzione dalle singole imprese alle multi-imprese e creare un network funzionante. Significa smettere di pensare che la nostra impresa possa stare sul mercato da sola, senza considerare i fattori esterni che possono avere un impatto solo a lungo termine: le relazioni esterne possono avere alti impatti a breve termine.

Che cosa è un Multi-enterprise supply chain business network?

Il termine “Multi-enterprise supply chain business networks (MSCBN)”, coniato da Gartner, definisce “una comunità di partner commerciali - di qualsiasi livello e tipo all'interno di un network - che ha bisogno di coordinare ed eseguire i processi della supply chain attraverso più imprese.”¹

Un network di supply chain che collega tutte le parti e permette loro di operare come un'unica supply chain virtuale, di lavorare con lo stesso set di informazioni, sempre aggiornate. Alcuni usano anche il termine “network di network”. Dal momento che essere connessi non implica solo una singola rete, ma diverse reti che dovrebbero piuttosto essere collegate l'una con l'altra. Un buon esempio nella vita reale è il modo in cui i fornitori di telecomunicazioni interagiscono naturalmente con i loro omologhi, per garantire la possibilità di chiamare un amico che sta usando un provider diverso dal tuo.

Le definizioni e i termini vistosi potrebbero suonare complicati, ma il concetto è semplice:

"I dati della supply chain di uno alimentano il processo della supply chain dell'altro."

Per esempio, le informazioni sulla spedizione fornite da un fornitore attiveranno l'azione del trasportatore che ritirerà la merce. Le informazioni di ritiro del trasportatore saranno condivise con il grossista (cliente in questo caso). Il grossista organizzerà le sue attività di magazzino (in entrata e in uscita) in base alle informazioni ricevute.

Un sondaggio condotto da Gartner mostra che entro il 2023 più del 50% delle organizzazioni che operano nello spazio di mercato della supply chain prevede di condividere i dati in tutto l'ecosistema di partner, stabilire processi comuni per farlo funzionare e avere una piattaforma tecnologica in azione per integrarsi con i partner dell'ecosistema.²

Un software collaborativo e multi-impresa per la supply chain supporta le diverse linee di business (approvvigionamento, supply chain, pianificazione della domanda, gestione degli ordini, ecc.) con soluzioni per prendere decisioni migliori e più veloci utilizzando le informazioni aggiornate di tutti i partner della supply chain coinvolti - dal cliente finale fino al fornitore di materie prime o di parti. 

Un software collaborativo per la supply chain dovrebbe quindi garantire: 

  • Singola piattaforma

  • Versione singola e condivisa dei fatti

  • Vere visibilità e collaborazione end-to-end tra i partner della supply chain

  • Automazione e informazioni sempre aggiornate

  • Pieno supporto per la tracciabilità

Di conseguenza, il software collaborativo estende ciò che l'ERP ha fatto per l'azienda all'interno della sua organizzazione e fornisce una rete sicura alle aziende per coordinare le attività della supply chain in tempo reale. Un paio di scarpe che calzano perfettamente, ti fanno camminare più velocemente e alleviano i tuoi problemi quotidiani.

Come riconoscere una soluzione collaborativa?

Una volta risolto il problema concettuale, possiamo procedere con quello tecnologico. Quindi, quali tecnologie possono abilitare la collaborazione e la gestione nella supply chain e nella logistica? 

"Numerosi attori offrono soluzioni di network con supporto multi-impresa. Tuttavia, non tutte sono network di supply chain."

Alcuni di loro offrono solo alcune caratteristiche delle soluzioni. Per esempio, molte aziende tecnologiche stanno costruendo reti di partner in nicchie specifiche della supply chain, come le reti per i partner di trasporto, aereo e marittimo, spedizioni, produttori e distribuzione. 

La soluzione multi-impresa ideale dovrebbe includere almeno le seguenti caratteristiche:

  • Collaborazione in network tra più parti: fornire un livello di integrazione per collegare sistemi e parti interni ed esterni e network specializzati esistenti per aiutare le aziende a formare una rete connessa e collaborativa. Una piattaforma condivisa è essenziale.

  • Visibilità in tempo reale: fornire in tempo reale la visibilità della supply chain end-to-end su tutti gli eventi e le milestone per l'ordine per tutte le parti interne ed esterne.

  • Gestione degli eventi: consentire al team di pianificazione di riprogrammare e gestire rapidamente le eccezioni al fine di garantire l'OTIF.

  • Gestione degli ordini e dell’inventario: funzionalità di gestione degli ordini e dell'inventario con automazione intelligente nell'orchestrazione di micro supply chain per ogni cliente con flussi di ordini ottimizzati in termini di tempo, capacità, costi e inventario.

  • Dashboard Analytics: includono analitiche predittive e prescrittive, l’analisi delle cause profonde e degli impatti

Naturalmente, ci sono altre caratteristiche e funzioni che possono essere offerte, ma queste sono considerate come la base di una soluzione collaborativa. Il valore principale di queste soluzioni è l'abilitazione dell'esecuzione dei processi intelligenti in tempo reale, fornendo dati normalizzati, connessioni preconfezionate e altri servizi ai principali partner. La soluzione e le applicazioni dovrebbero creare un valore condiviso sia per l'organizzazione principale sia per i suoi partner di rete. 

Quali sono le tecnologie che abilitano le soluzioni collaborative? 

Nel panorama tecnologico in continua evoluzione, 3 tecnologie in particolare stanno assumendo un ruolo importante per queste soluzioni: 

  • Cloud: piattaforme condivise e interoperabili basate su cloud che forniscono metodi comuni e condivisi e la capacità di realizzare sintesi di processo.

  • Big Data Analysis: analisi di grandi volumi di dati non strutturati, che permettono una maggiore visibilità per l'ottimizzazione. 

  • IA e Machine Learning: condurre operazioni più automatizzate nel corso del tempo.

Infine, l'architettura della piattaforma che supporta tutto questo deve essere moderna e in grado di far funzionare i processi tra tutti i partner della rete.

"Gli ecosistemi delle supply chain digitali diventeranno sempre più importanti.”

Secondo un'indagine di Gartner, più della metà delle organizzazioni che operano nell'area della supply chain prevede di condividere i dati attraverso l'ecosistema dei partner, stabilire processi comuni per la sua operatività e avere una piattaforma tecnologica in funzione per integrarsi con i partner dell'ecosistema.³ 

Perché alle aziende serve una soluzione collaborativa? 

Come già detto, le aziende devono affrontare numerose sfide per gestire in modo efficiente le supply chain altamente connesse. 

Secondo Gartner, queste sfide includono:

  • Le attività e i dati risiedono per lo più all'esterno dell'impresa;

  • Le applicazioni aziendali per gestirli sono scollegate;

  • Sfruttare i dati disponibili è molto difficile;

  • Coinvolgere e collaborare con tutti i partner commerciali richiede molto tempo.

Sfruttare molti dati interni all'impresa e avere processi impresa-centrici non può essere una soluzione per superare queste sfide. Il motivo è che questo approccio porta solo ad aggiornamenti ritardati, insight di visibilità limitati, una modalità reattiva sia per la pianificazione sia per l'esecuzione, ottimizzazione per oggetto piuttosto che per risultato, e un processo decisionale basato principalmente sull'uomo. Da un punto di vista tecnologico, invece, porta ad affidarsi a soluzioni legacy e spesso a soluzioni on-premises. 

Oltre ad avere applicazioni in atto per gestire le funzioni aziendali di base (come ERP, CRM ecc.), le aziende dovrebbero cercare soluzioni e applicazioni di business per connettersi con i loro partner commerciali da un capo all'altro, a monte e a valle. Questo aumenterà la visibilità e migliorerà gli insight sfruttati. 

Le soluzioni collaborative che includono diverse organizzazioni sono progettate per creare questo tipo di connessione tra le parti e garantirne la collaborazione. 

Quali sono i vantaggi concreti? 

Minimizzazione del rischio

Oggi, le supply chain incontrano spesso dei punti ciechi, come l'incapacità di anticipare le interruzioni del commercio e il rischio dei fornitori. I risultati possono essere estremamente problematici per le aziende. 

Secondo un sondaggio condotto da Gartner, a partire dal 2021 il 68% dei dirigenti della supply chain riferisce di aver reagito costantemente a interruzioni ad alto impatto negli ultimi tre anni. E il 67% riferisce di non aver avuto tempo sufficiente per riprendersi da una perturbazione prima che un altro evento ad alto impatto interrompesse nuovamente le loro supply chain. Inoltre, una recente ricerca di McKinsey & Company ha rilevato che in un periodo di 10 anni, le aziende possono perdere il 42% dei loro profitti annuali a causa delle interruzioni. Questi punti ciechi possono essere evitati aumentando la visibilità sui processi interni e, soprattutto, esterni. 

Una soluzione collaborativa e multi-impresa, oltre a fornire in tempo reale la visibilità end-to-end della supply chain su tutti gli eventi e le milestone dell'ordine effettuato, collega tutte le parti su una piattaforma condivisa e permette loro di condividere una singola versione delle informazioni aggiornate. Questo semplificherà il processo di identificazione del rischio, facendo sì che le organizzazioni agiscano molto prima. Di conseguenza, anche se non sarà possibile mitigare ogni singolo rischio che l'azienda incontra, la quantità sarà sicuramente ridotta al minimo. 

Aumento dell’efficienza

L'efficienza riguarda la misura in cui un processo utilizza le risorse nel miglior modo possibile per assicurare il funzionamento veloce e senza intoppi dei sistemi. 

“Non esiste una "cura unica e irripetibile" per realizzare la supply chain più efficiente possibile.”

È un processo che deve essere rivisto e ottimizzato il più spesso possibile con una metodologia di miglioramento continuo in mente. Per farlo bene, c'è bisogno di dati accurati e di analisi sulle operazioni, che aiuteranno a identificare le aree di miglioramento dove si può raggiungere un'ulteriore efficienza. 

Pertanto, è logico pensare che più si immagazzinano dati sulla propria supply chain, più verranno fuori soluzioni accurate per aumentare l'efficienza. Una soluzione collaborativa e multi-impresa fornirà non solo i dati della supply chain, ma anche i dati dei partner esterni. Inoltre, fornirà un ambiente comune per lavorare insieme, eliminando le attività manuali che richiedono tempo come le telefonate o la preparazione dei report. 

Riduzione dei costi

Una rete di supply chain mal progettata può portare a un uso inadeguato delle risorse. In queste reti, ogni punto di contatto mal gestito tra l'azienda e i suoi fornitori/clienti farà aumentare i costi, aumenterà i rischi e si tradurrà in un cattivo servizio al cliente. 

Quindi, una rete multi-impresa ben progettata, facilitata da dati accurati sulle operazioni interne ed esterne, porterà all'uso ottimale delle risorse umane, tecnologiche, finanziarie o fisiche e ridurrà i costi operativi e le perdite di tempo.

Come mettere a valore le soluzioni collaborative nelle PMI? 

Secondo i professionisti della supply chain, le piccole e medie imprese (PMI) sono spesso guidate dalle necessità pratiche che il mercato genera. Queste organizzazioni sperimentano alti livelli di pressione di vendita che derivano dal desiderio di crescita.

“Questo le porta ad adottare un approccio reattivo alla gestione della supply chain.”

Mentre le multinazionali e le grandi imprese adottano supply chain strategiche, considerandole un vantaggio competitivo, la supply chain dovrebbe essere un argomento strategico anche per le PMI. 

Avere un approccio reattivo alla gestione della supply chain, porta naturalmente a pensare a tutto ciò che è a breve termine e segmentato o in silos, che non aiuta a muoversi nell'attuale scenario di mercato. Le interruzioni della supply chain, la scarsa esperienza del cliente e i rischi intangibili esterni toccano più un'azienda di medie dimensioni che una più grande.

Le conoscenze acquisite da attori reali del mercato hanno mostrato che per far funzionare una soluzione multi-impresa e collaborativa in un ambiente di PMI, i fornitori di soluzioni dovrebbero concentrarsi su alcuni aspetti importanti. 

Le PMI dovrebbero guardare il quadro generale

Non si tratta di non essere consapevoli del problema o di non pensare alla collaborazione con parti esterne. Si tratta del fatto che le PMI identificano i punti di sofferenza più evidenti nelle loro supply chain e cercano soluzioni pratiche e a breve termine per eliminarli, spesso non prendendo in considerazione le cause alla radice. Questo può facilmente portarle a optare per sistemi diversi per ogni punto debole e a gestire i loro processi in silos. 

Essere in grado di vedere il quadro generale, capire le cause alla radice e analizzare i processi e le operazioni nel loro insieme potrebbe aiutare a identificare le soluzioni più adatte fin dall'inizio. Questo permette anche di minimizzare il rischio aziendale e fornisce le basi per una crescita sostenibile a lungo termine.

Le soluzioni collaborative multi-impresa non sono riservate solo alle grandi aziende

Queste soluzioni spesso non sono conosciute dalle piccole e medie imprese (PMI). È difficile cercare una soluzione che non si conosce. È fondamentale far capire a queste organizzazioni il valore nascosto dietro questo termine complicato: una soluzione collaborativa multi-impresa può offrire un mix di funzioni software leggere e semplici per la supply chain, rendendo possibile la gestione operativa così come l'analisi dei dati. La differenza sta nell'offrire quelle come "multi-enterprise enabled". Questo aiuterà a potenziare le operazioni interne e la supply chain estesa!

Ultimo ma non meno importante, poiché la necessità di collaborazione è nota e accettata dalla maggior parte delle organizzazioni nel panorama globale della supply chain, indipendentemente dalle loro dimensioni, le soluzioni collaborative multi-impresa non dovrebbero essere esclusive delle grandi aziende, cioè accessibili solo a quelle imprese con risorse economiche significative.

Le soluzioni di supply chain estese non competono con ERP o TMS/WMS..xMS

Parlando quotidianamente con amministratori delegati, professionisti della supply chain, responsabili delle operazioni, specialisti della logistica e responsabili della qualità, si nota che un sistema di supply chain viene spesso paragonato a un sistema di gestione verticale (per esempio un TMS); non è propriamente corretto, poiché i sistemi di gestione verticale guardano all'interno dei processi aziendali e a operazioni molto specifiche. Mentre un sistema di supply chain ha una portata più ampia, per fare rapporto su più verticali, raccogliendo dati da TMS, WMS ecc, avendo forti capacità di analisi dei dati e infine di pianificazione. Se lo strumento della supply chain è costruito con un'architettura many-to-many, forti capacità di dati, account per più utenti e aiuto per lavorare con partner commerciali esterni, può essere considerato uno strumento per la supply chain estesa, multi-impresa e collaborativa.

Conclusioni

Le aziende hanno bisogno di interagire e lavorare insieme per far crescere il loro business. Una soluzione di rete multi-impresa può favorire la collaborazione tra le aziende della supply chain e della logistica e aiutarle a semplificare l'identificazione dei rischi e i processi decisionali. Soprattutto, aiuta a creare un ambiente comune per lavorare insieme, riducendo al minimo, se non eliminandole completamente, le attività manuali che richiedono molto tempo.

Note

  1. Magic Quadrant for Multienterprise Supply Chain Business Networks, Gartner 2020

  2. Predicts 2022: Supply Chain Strategy

  3. Ibidem

Articoli correlati